Logo del Sistema Bibliotecario Montiferru - torna alla home page
Attualmente sei nella sezione: Home > Contos > 23/11/2015 - Pasquale Mascia

23/11/2015 - Pasquale Mascia

Pasquale Mascia"La cultura digitale e la biblioteca. Un nuovo contesto per la nostra missione"

Nel paradigma digitale che informa ogni azione che ruolo spetta alla biblioteca?
Una domanda che necessità per avere una risposta convincente che cambi il punto di vista di coloro che se la pongono con più urgenza: i bibliotecari.
E’ necessario assumere la conoscenza della cultura digitale nei suoi meccanismi di produzione e di distribuzione come contesto per l’azione delle biblioteche.Bisogna conoscere i nuovi modelli comunicativi propri della cultura digitale e del mondo di produzione culturale dei media digitali. La sfida non è quella di ricreare in biblioteca realtà esistenti con nuovi linguaggi, ma quella di garantire modalità inedite di rappresentazione e fruizione dell’informazione da parte di nuove utenze verso le quali la biblioteca è un’organizzazione aperta.

La direzione di sviluppo dei servizi di una biblioteca è segnata dagli input forniti anche dalle comunità online nella misura in cui la biblioteca è capace di attivare pratiche e tratti culturali che ritraggono il modo in cui gli individui e le comunità si rapportano ai mezzi di comunicazione. La biblioteca digitale nasce e si descrive nella relazione fra i concetti di convergenza mediatica, intelligenza collettiva e cultura partecipativa grazie ai quali la biblioteca digitale riconosce nuove comunità di utenti come conseguenza della produzione e circolazione di nuove idee e dell’accesso a nuove strutture sociali e a nuovi modelli di produzione culturale.

Pasquale Mascia
Bibliotecario presso il Consorzio per la Pubblica Lettura “S. Satta” di Nuoro, annovera competenze ed esperienze professionali, esercitate anche con incarichi di livello tecnico nella progettazione,organizzazione e gestione di servizi culturali, con specializzazione in cultura (settore ABM: Archivi, Biblioteche, Musei), comunicazione, progettazione europea, formazione ed aggiornamento della risorse umana. Negli ultimi anni ha studiato a fondo l'innovarsi delle tecnologie riferite al sistema dei beni culturali nel suo complesso e nei suoi rapporti con la cultura digitale.