Logo del Sistema Bibliotecario Montiferru - torna alla home page
Attualmente sei nella sezione: Home > Ambiente > Progetto Reloc > L'ecoatlante multimediale Reloc

L'ecoatlante multimediale

Il territorio R.E.LOC.

La regione del Montiferru-Sinis è stata individuata dalla L.R. n. 31/89 come Parco Naturale, ad oggi non ancora istituito.

stagno.gif Il suo territorio è costituito da ambienti diversissimi tra loro e presenta nella zona più interna un paesaggio collinare e montano con rilievi vulcanici e tavolati basaltici che degradano verso Ovest a formare alte scogliere a strapiombo sul mare. Sulla costa, imponenti dune sabbiose si alternano a zone umide con stagni e paludi e a lunghi tratti di rocce di arenaria di origine eolica o di tenero calcare.

Il paesaggio, risalendo dal litorale fino ai rilievi del Montiferru, cambia così come la vegetazione varia al variare dell’altitudine, dell’esposizione dei versanti al sole o ai venti dominanti e alla distanza dal mare. Piccole piante abbarbicate alle scogliere, crassulente, spinose e profumatissime, presenti solo in questi luoghi (specie endemiche), lasciano il posto a distese di boschi e freschi ruscelli, dove gli animali selvatici vivono ancora indisturbati.

marangone.gifIl Montiferru-Sinis, con gli stagni e i boschi di latifoglie, i residui di antiche foreste di agrifogli e le alte scogliere di calcare color crema o di nero basalto, le calette e le dune, i campi coltivati e i pascoli arborati, racchiude in sé un alto valore ecologico e di biodiversità, con specie endemiche o minacciate di estinzione e ambienti unici e rarissimi protetti da Convenzioni (“Ramsar” 1971), Direttive internazionali (“Uccelli” 1979, “Habitat” 1992)  e leggi regionali .

Mappa dell'area R.E.LOC.